Scheda di "Lequile"

20 Aprile 2011

Le Origini

Le origini cittadine sono fatte risalire per tradizione all’epoca romana, quando si stabilì nella zona il centurione Leculo, il quale eresse una villa da cui sorse poi un villaggio. Studi più attendibili tendono invece a fare risalire le origini del Comune ad un insediamento di centurioni romani: dal simbolo dei legionari sarebbe derivato il nome del paese, a seguito della caduta della vocale “a” (da “Le aquile” a “Lequile”).

Il centro fece parte, dal secolo XI sino al 1463, della Contea di Lecce e del Principato di Taranto. Nel 1291 ne fu signore Ugo di Brienne; nei secoli XIV e XV appartenne ai Bonomine, ai De Marco, ai Sambiase, ai Santabarbara e ai Marescallo. Nel 1433 Maria d’Enghien, contessa di Lecce, principessa di Taranto e regina di Napoli, lo concesse in feudo al barone Guarino di San Cesario, alla cui famiglia appartenne fino al 1531. Successivamente dal Doria, divenutone signore nel 1554, venne ceduto al Pansa; da questi alla nipote della famiglia dell’Anna, e quindi al Graffoglietti, ai Venato, agli Imparato, ed infine ai principi Saluzzo che ne serbarono il possesso dal 1690 al 1806, data di abolizione della feudalità.

Le origini del nome

Stando a un recentissimo studio, come per Leqio Berria e Lequio Tanaro in provincia di Cuneo, sembra che «l’etimo di Lequile sia da annodarsi all’espressione ‘ad leucum’, per cui in origine, dove ora sorge il paese, poteva esserci un ‘lucus’, ossia una luminosa radura…; o un ‘lacus’, ovvero un limpido specchio d’acqua».

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Ultimi articoli

Comunicazione alla Cittadinanza 28 Ottobre 2020

Convocazione del Consiglio Comunale

Il Sindaco informa che il Consiglio Comunale è convocato, in seduta straordinaria  in prima convocazione, per le ore 18:00 di mercoledì 28 ottobre 2020, ed eventualmente, in seconda convocazione per le ore 18:00 di giovedì 29 ottobre 2020 per la trattazione del seguente ordine del giorno: Approvazione verbali sedute precedenti; Comunicazioni del Sindaco; Variazione al bilancio di previsione 2020/2022 ai sensi dell’art.

Urbanistica 26 Ottobre 2020

Conservazione del nuovo catasto dei terreni – Verificazioni quinquennali gratuite

Con nota del 22/10/2020 l’Agenzia delle Entrate Ufficio Provinciale-Territorio, in osservanza di quanto previsto dal Regolamento 8 dicembre 1938, n.

Ambiente 22 Ottobre 2020

Regolamento comunale per il compostaggio domestico dei rifiuti

L’Amministrazione Comunale, ritenendo prioritario l’obiettivo della riduzione a monte dei rifiuti da conferire allo smaltimento in discarica, ai fini della salvaguardia e della tutela dell’ambiente, della valorizzazione del territorio e delle risorse ambientali, promuove sul proprio territorio la “buona pratica” del compostaggio domestico, poiché ritenuta parte integrante di un’organica gestione dei rifiuti solidi urbani di competenza di questa Amministrazione.

torna all'inizio del contenuto