Scheda di "Lequile"

20 Aprile 2011

Le Origini

Le origini cittadine sono fatte risalire per tradizione all’epoca romana, quando si stabilì nella zona il centurione Leculo, il quale eresse una villa da cui sorse poi un villaggio. Studi più attendibili tendono invece a fare risalire le origini del Comune ad un insediamento di centurioni romani: dal simbolo dei legionari sarebbe derivato il nome del paese, a seguito della caduta della vocale “a” (da “Le aquile” a “Lequile”).

Il centro fece parte, dal secolo XI sino al 1463, della Contea di Lecce e del Principato di Taranto. Nel 1291 ne fu signore Ugo di Brienne; nei secoli XIV e XV appartenne ai Bonomine, ai De Marco, ai Sambiase, ai Santabarbara e ai Marescallo. Nel 1433 Maria d’Enghien, contessa di Lecce, principessa di Taranto e regina di Napoli, lo concesse in feudo al barone Guarino di San Cesario, alla cui famiglia appartenne fino al 1531. Successivamente dal Doria, divenutone signore nel 1554, venne ceduto al Pansa; da questi alla nipote della famiglia dell’Anna, e quindi al Graffoglietti, ai Venato, agli Imparato, ed infine ai principi Saluzzo che ne serbarono il possesso dal 1690 al 1806, data di abolizione della feudalità.

Le origini del nome

Stando a un recentissimo studio, come per Leqio Berria e Lequio Tanaro in provincia di Cuneo, sembra che «l’etimo di Lequile sia da annodarsi all’espressione ‘ad leucum’, per cui in origine, dove ora sorge il paese, poteva esserci un ‘lucus’, ossia una luminosa radura…; o un ‘lacus’, ovvero un limpido specchio d’acqua».

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Ultimi articoli

Servizi Sociali 1 Aprile 2020

Virus Covid-19. Misure urgenti di solidarietà alimentare

Avviso pubblico per l’acquisizione di manifestazioni di interesse per l’inserimento nell’elenco comunale di esercizi commerciali e farmacie disponibili ad accettare i buoni spesa di cui all’ordinanza del capo Dipartimento della protezione Civile n.

Polizia Municipale 1 Aprile 2020

Indicazioni emergenziali connesse ad epidemia COVID-19 riguardanti il settore funebre, cimiteriale e di cremazione

Le presenti indicazioni hanno come obiettivo la individuazione di procedure adeguate per il settore funebre, cimiteriale, della cremazione in fase emergenziale determinata dall’epidemia di COVID-19, valide per l’intero territorio nazionale Talune regioni sono già intervenute con proprie norme di dettaglio e/o con circolari.

Comunicazione alla Cittadinanza 30 Marzo 2020

Emergenza Coronavirus

Si comunica in merito – Ordinanza n. 658 art 2- riparto risorse per la “ SOLIDARIETA’ ALIMENTARE” che l’Amministrazione comunale in collaborazione con i servizi sociali comunali sta procedendo alla elaborazione degli atti amministrativi necessari e urgenti per dare seguito al beneficio.

Servizi Sociali 30 Marzo 2020

I centri antiviolenza della Regione Puglia

I centri antiviolenza della Regione Puglia continuano l’attività di supporto e assistenza telefonica nei confronti delle donne vittima di violenza, nel pieno rispetto dell’ultimo DPCM.

torna all'inizio del contenuto