Ambiente

10 Maggio 2019

Interventi di rimozione di rifiuti illecitamente abbandonati su aree pubbliche

Puglia-bando-per-rimozione-di-rifiuti-abbandonati-su-aree-pubbliche-comuni-beneficiari-e1445010347958– Finanziamento Regione Puglia D.D. n. 194/18 –

Si avvisa la cittadinanza che a seguito di gara su MEPA è stato aggiudicato alla ditta “GEOAMBIENTE SRL” con sede legale alla via Beatrice Acquaviva d’Aragona n. 5 Cavallino, l’appalto degli interventi di rimozione dei rifiuti illecitamente abbandonati nelle aree pubbliche finanziato con fondi regionali. Gli interventi riguarderanno numerosi siti oggetto di abbandono sparsi su tutto il territorio comunale. I lavori di campionamento e caratterizzazione dei rifiuti è già iniziato e se i tempi del cronoprogramma verranno rispettati la pulizia e la rimozione dei rifiuti terminerà entro la data del 21 maggio 2019.  

Lequile, 08maggio 2019 

L’Assessore all’Ambiente: Geom Vito Litti

Il Sindaco: Dott. Antonio Caiaffa

Il Responsabile settore Urbanistica: Arch. Alessandro Macchia 

Interventi di rimozione di rifiuti illecitamente abbandonati su aree pubbliche
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Ultimi articoli

Servizi Sociali 18 Gennaio 2020

Per i beneficiari del reddito di cittadinanza arriva l’obbligo di partecipare ai progetti di pubblica utilità da un minimo di otto ore settimanali nel proprio comune di residenza.

Per i beneficiari del reddito di cittadinanza arriva l’obbligo di partecipare ai progetti di pubblica utilità da

Ambiente 15 Gennaio 2020

SERVIZIO CAM (Centro Ambiente Mobile) CALENDARIO MESE GENNAIO 2020

Si avverte la cittadinanza che è attivo il Servizio CAM (Centro Ambiente Mobile) di Ecotecnica  ovvero una stazio

Commercio e Imprese 14 Gennaio 2020

Una Bella opportunità: Ingrandisci o riapri la tua attività ?

Il Comune di LEQUILE istituisce nel proprio bilancio un fondo per l’agevolazione delle iniziative tese alla riapertura sul territorio comunale di esercizi commerciali chiusi da almeno sei mesi, nonché per l’ampliamento, per almeno il 30% della superficie dei locali, di strutture commerciali già esistenti sul territorio comunale stesso.

torna all'inizio del contenuto